” In cammino nel mondo…con la gioia del mio vivere !!! “

Questo progetto indaga le possibilità espressive offerte dal tema del concorso relativo ad uno spazio abitativo cittadino di 6m x 6m x 6m destinato ad una casa studio per single, sia nella dimensione architettonico urbana che in quella di interior design. Si immagina un tessuto cittadino a misura d’uomo, dai volumi bassi, in cui il rapporto con la natura è di fondamentale importanza senza per questo annullare i benefici che solo la Vita metropolitana e le sue dinamiche interne può garantire. Il volume dell’ alloggio è composto essenzialmente da cemento bianco, muratura di mattoni pieni, legno e vetro ed è plasmato e scavato plasticamente affinché l’ articolazione dei percorsi e la distribuzione delle funzioni su più livelli al suo interno possano essere segnalate all’ esterno a scala architettonica definendone le sue caratteristiche estetiche. L’ interno dello studio infatti, vivendo numerosi salti di quota funzionali, fa delle introspezioni interno – interno ed interno – esterno e degli incastri dei volumi architettonici uno dei suoi punti di forza più efficaci. Vi si immagina una Vita ascetica e contemplativa, fatta di condivisione fraterna al piano inferiore a contatto col verde cittadino, dove è possibile sedersi comodamente in poltrona ospitando un buon cliente-amico, o magari per leggere un buon libro e di aggiornamento professionale e lavoro nell’ intimità della cella al piano superiore, tutta in legno come una nave dove l’ unico contatto esterno è dato da un finestrino e da un lucernario per osservare cielo e stelle. La cella è attrezzata da una scrivania, da una comoda seduta orizzontale per i momenti di riposo ed un contenitore per libri e pochi vestiti. Un piccolo cucinino, una zona per i servizi igienici, un contenitore cassapanca in corrispondenza della scala ed una libreria di mensole completano insieme al piccolo tavolo per il pranzo gli accessori dello Studio. Un volume vascello ancorato nel porto metropolitano teso ad ospitare una Vita aperta all’ incontro fraterno nel mare di gente che affolla il nostro habitat cittadino, ospitante dinamiche di Vita laboriosamente fruttuose e serenamente gioiose come tutto ciò che in modo fecondo concorre alla nostra crescita Spirituale ed Umana. Il progetto ha per questi motivi un carattere fortemente autobiografico.

Nota: Il progetto ha avuto una menzione di merito dalla Giuria del Concorso.

…Ai miei Amabili Genitori…

Casa MeS

Si tratta del progetto definitivo ormai realizzato della casa romana di mio fratello Marco e della sua cara compagna Silvia, progetto al quale ho lavorato nei primi mesi del 2009 che mi ha dato non poche soddisfazioni professionali ed umane.

Sono grato ai ragazzi per l’ occasione progettuale fornitami e spero che la realtà dei fatti confermi nel tempo con la sua bontà quanto di buono si è evinto osservando i dati sulla carta.

Il progetto nasce con l’ auspicio che questa giovane casa faccia da cornice ad una Vita feconda di sane dinamiche Umane e di Coppia e sia quindi per sempre per tutti i suoi ospiti, stanziali o di passaggio, luogo ispirato di Crescita, Armonia ed Amore !!!

…con Ogni Bene…Arch. Giacomo.

Logo Cogena S.r.l.

Si tratta del logo da me disegnato per Cogena srl, un impresa di costruzioni che ha operato tra il 2008 ed il 2013 sul territorio di Napoli e provincia.

Il logo rappresenta una gru stilizzata con tre ruote dentate, simbolo dell’ ingegno costruttivo tipico delle imprese di costruzioni e in generale dei lavori edili.

Il numero delle ruote dentate, tre, indica l’ idea di gruppo e di team working, principio operativo che ha sempre ispirato l’ attività della giovane impresa napoletana.

Tramonto a Manhattan ed altre Storie

Tramonto a Manhattan è il progetto realizzato di una parete attrezzata per il living di due clienti a me molto cari, un mobile-quadro-scultura che nella sua semplicità, con i suoi colori e le sue luci vuole andare oltre il semplice valore contenitivo ed esprimere in se una forte emozione con radici nella memoria e nella sensorialità.

Il nome dell’ opera prende atto dalle suggestioni di alcune foto di viaggio di una coppia di due miei cari Amici, Nadia e Giuseppe, che, tempo prima, ritraendo il tramonto a New York dal terrazzo di un grattacielo a Manhattan, hanno colpito la mia immaginazione veicolando per l’ appunto, con una semplice foto, il piacere di una bella, intensa e piacevole emozione !!!

Le altre Storie, non meno affascinanti, ricordano il perioodo straordinariamente intenso dei tanti incroci di persone fatti all’ interno dello Studio del noto Showroom di Arredamento “Living” qui a Napoli.

La pubblicazione di questo lavoro è un omaggio all’ Azienda Living S.r.l., storico Showroom di Arredamento napoletano ormai chiuso, che mi ha visto collaborarvi part time con le mansioni di Interior Designer e presso il quale questo progetto è stato da me elaborato, omaggio e ringraziamento per tutte le persone che hanno concorso a costruire quel periodo cosi formativo, dal direttore che mi ha accolto, al personale con il quale ho condiviso il mio tempo lavorativo, fino a tutti i clienti che, con la loro straordinaria umanità, mi hanno consentito un meraviglioso ed intenso percorso di crescita professionale ed umano.

Studio Odontoiatrico

Progetto di interior design della Hall, della Sala di attesa e dello Studio privato del Dottore.

La pubblicazione di questo lavoro è un omaggio all’ Azienda Living S.r.l., storico Showroom di Arredamento napoletano ormai chiuso, che mi ha visto collaborarvi part time con le mansioni di Interior Designer e presso il quale questo progetto è stato da me elaborato, omaggio e ringraziamento per tutte le persone che hanno concorso a costruire quel periodo cosi formativo, dal direttore che mi ha accolto, al personale con il quale ho condiviso il mio tempo lavorativo, fino a tutti i clienti che, con la loro straordinaria umanità, mi hanno consentito un meraviglioso ed intenso percorso di crescita professionale ed umano.

Lampada Oled

Si tratta del progetto di due lampade per un concorso di idee al quale ahime non ho potuto poi partecipare.

Il primo modello di lampada da me disegnata, la lampada applique, trae ispirazione dal concetto di lanterna e tutta la metaforica poesia che ad essa sottende. L’oggetto sospeso ad un braccio di acciaio satinato da affiggere su di una parete è costituito da due elementi: una vela, l’ Oled, dalla luce calda color lino, che a mo’ di faro, metafora della Fede cristiana, illumina, seppure in modo indiretto, i metaforici viandanti quali tutti siamo in questa Vita, nella notte del nostro cammino verso Dio, Oled contenuta in una struttura piramidale di base triangolare d’ acciaio bronzato che crea il supporto piramidale della lampada, piramide sul cui vertice un anello provvede ad ancorarla al braccio che la sospende in alto per renderla ben visibile, braccio che con un unico gesto spaziale filiforme di matrice ancora triangolare intende contenere la lampada stessa, come del resto idealmente in proiezione si evince dal prospetto, matrice triangolare quella della struttura della lampada che evoca la triade del Padre del Figlio e dello Spirito Santo quale per noi cristiani è Nostro Signore, che accoglie e contiene con un unico gesto paterno e fraterno insieme la nostra stupenda Umanità.

La seconda lampada da tavolo invece, pur conservando la stessa genesi, vuole metaforicamente illuminare le nostre notti più da vicino, essendo possibile posizionarla ad esempio vicino al comodino di un letto o in generale su di un mobile di qualsiasi ambiente delle nostre case, evocando la sua luce il calore, la dolcezza e il tepore dell’ Amore di Dio che ci conforta nella notte come un tempo il bagliore del fuoco confortava i primi uomini consentendone un sonno sicuro, un Dio che ci è vicino e condivide con noi, facendosi Uomo in Gesù, la nostra stessa Umanità facendoci eternamente compagnia, porto sicuro al riparo dalle insidie del buio.

Le due lampade sono in definitiva un inno alla Gioia per la quale tutti noi siamo nati e per la quale dinamicamente siamo destinati già qui nel tempo prezioso del nostro cammino nel mondo, un Umanità che si ritroverà in pienezza quando vivrà pienamente nella Luce e che per questo, in questo suo doloroso parto, dalla Luce parte, verso la Luce si dirige e dalla Luce è e sarà confortata e incoraggiata.